Tre atleti tra i primi 30 assoluti e nuovo personale per Alberto

p2350371Faenza – E’ stata un’altra bellissima giornata sportiva, quella vissuta dai nostri 11 portacolori che hanno preso parte alla maratonina cittadina valevole come prova del Campionato di Società.
La società del Passatore ha ottenuto ottimi risultati portando ben tre atleti tra i primi trenta assoluti con Farina Stefano, Turroni Gabriele e Bandini Alberto, rispettivamente 7°, 10° e 11° di categoria. Alberto in 1 ora 24 minuti 07 secondi migliora il proprio best time sulla distanza di ben 4’15.
Simon Luca Spada partecipa alla corsa non competitiva.

 

 

 

Leggi tutto “Tre atleti tra i primi 30 assoluti e nuovo personale per Alberto”

Stefano secondo italiano ad Helsinki

img-20170812-wa0015Se non volete rinunciare a correre una maratona ad agosto, fate la scelta giusta… maratona di Helsinki!
Questo deve aver pensato Stefano Farina, del gruppo sportivo 100 km del Passatore, che oggi pomeriggio ha partecipato alla 37th Helsinki City Marathon.
Alla partenza alle 15 di sabato pomeriggio c’era un bel sole e molto caldo circa 30 gradi!! Dopo una partenza brillante, con il passaggio della mezza in 1h28′, dal venticinquesimo km inizia un calvario anche a causa del caldo imprevito: passando da una media di 4’13/km ad una media di 5’02/km, ma non si può mollare.
Stefano taglia il traguardo con un crono di 3 ore 15 minuti 11 secondi risultando sessantesimo assoluto e secondo italiano al traguardo: “Il percorso è molto bello, ma molto tecnico con un continuo sali scendi” dichiara Stefano al traguardo “Sono crollato sul finale e non ho centrato il tempo che volevo, ma va bene: il pubblico presente su quasi tutto il percorso, ci ha fatto sentire un po’ gli eroi del giorno, un’altra cultura podistica rispetto all’Italia.”

Alberto sul podio nella “Terra del Re”

alberto23Particolare e curiosa trasferta in terra tedesca, a Füssen, per Alberto Bandini della Asd 100 km del Passatore.
La gara si è svolta in una “zona di straordinaria bellezza, veramente il paese delle fiabe”, infatti la Königsschlösser Romantik-Marathon si corre nella regione dell’Ostallgäu, una delle aree più belle ed interessanti dell’intera Baviera: 42 km con paesaggi mozzafiato, anche impegnativi perché quasi tutti nello sterrato nei boschi, prati, attorno a laghetti verdissimi, passando vicino ai castelli da fiaba come Neuschwanstein e Hohenschwangau.

Alberto parte forte, chiudendo la prima mezza in 01:28:40, svelando fin da subito così le sue reali intenzioni: abbattere il muro delle tre ore! Nella seconda parte purtroppo non riesce a tenere il passo dei suoi sogni, ma l’obiettivo è solo rimandato. Alberto chiude in 03 ore 07 minuti e 04 secondi scoprendo con grande emozione di essere il quattordicesimo assoluto giunto al traguardo in seconda posizione tra gli atleti italiani, e di aver conquistato il terzo gradino del podio di categoria (con tanto di premiazione sul podio).

“Una piccola maratona veramente divertente, attraverso posti stupendi tra i monti che ti sorridono,
la tranquillità dell’acqua dolce di lago, i boschi intrisi di profumi e le distese infinite di erba verde di tolkeniana memoria…!”

 

Anche Bandini alla 42km della “Primiero Dolomiti Marathon”

19601468_10213538015313306_8018953438761391409_nSi è disputata il 1 luglio, la seconda edizione di Primiero Dolomiti Marathon, fra Fiera di Primiero, San Martino di Castrozza e le splendide bellezze naturali di quest’angolo di Trentino.

Il tracciato della maratona è caratterizzato principalmente da strade forestali e alcuni tratti di sentiero facilmente accessibili, con un dislivello positivo di 1242 m e uno negativo di 1543 m, all’ombra delle Pale di San Martino.

Alberto, alle prime esperienze di corsa in montagna, ha impostato la gara a un ritmo prudente. Prima della discesa finale riusciva a rimontare ben sessantaquattro posizioni, tagliando il traguardo con il tempo di 4h09’47’’ (86°assoluto – 18°categoria). “Gara bella, peccato per il temporale di ieri notte che ha reso i sentieri molto scivolosi ma mi sono divertito molto. Che magia le dolomiti!”.

 

 

34° staffetta “Ad San Pir”

img-20170622-wa0027Temperature torride e umidità. In questo scenario è andata in scena, mercoledì 21 giugno, la trentaquattresima edizione della staffetta “Ad San Pir”, che si è svolta all’interno delle mura della città di Faenza.

Una podistica resa divertente dalla formula “a staffetta”, che prevedeva squadre da sei atleti che si alternavano su un percorso della lunghezza di 2,5 chilometri, con zona cambio all’interno del cortile del circolo del Rione Nero.

La società Asd 100 km del Passatore ha schierato tre squadre: il Dream Team composto da Marco Piazza, Marco Poggi, Stefano Valentini, Alberto Bandini, Luigi Pecora e Stefano Farina, il Real Team composto da Riccardo Ambrogi, Sergio Scipi, Stefano Caroli, Cristiano Fregnani, Alberto Amaretti e Fabio Mazzolini e infine il Drink Team composto da Fabio Scarpa, Daniele Gherardelli, Giovanni Zanei, Loris Leoni, Emanuele Tarroni e Lorenzo Leoncavallo. Leggi tutto “34° staffetta “Ad San Pir””

La prima volta della Stelvio Marathon

18446997_10213387497990467_9124603944323037532_nPrato allo Stelvio – 42 chilometri, 25 tornanti percorsi solo negli ultimi sette chilometri per raggiungere la mitica Cima Coppi, ovvero i 2.757 metri del Passo dello Stelvio, in una giornata baciata dal sole e dal cielo azzurro. Splendida questa prima edizione della Stelvio Marathon, la vera novità sulle 42km italiane di questo 2017.
Per il nostro gruppo erano presenti Alberto Bandini e Cristiano Fregnani. Alberto alla sua prima esperienza in montagna ha chiuso in 5 ore 12′ 26″ alle sue spalle Cristiano in 6 ore 14′ 34″.

In una gara del genere gli ultimi chilometri sono i più duri e faticosi è quindi consigliabile partire cauto per risparmiare energie nella prima parte del percorso. Infatti, al passaggio della mezza maratona Alberto è transitato in 1 ora 58′ 32″ davanti a Cristiano in 2 ore 7′ 25″, poi sono arrivati i sentieri e gli sterrati ed infine i tanti temuti tornanti. “Gli ultimi chilometri sono stati i più duri e faticosi, ma correre su questa mitica strada è davvero qualcosa che ti emoziona – le prime parole di Alberto – Arrivare al Passo dello Stelvio guardando il ‘re’ Ortler è stato uno spettacolo”.

Sesto di categoria al Passatore, Stefano Farina brilla sui 100 km

18870449_10210876721766773_1707949348_oFirenze – Sabato scorso è andato in scena il “Passatore”, la corsa di 100 chilometri che unisce l’Italia valicando gli Appennini partendo da Firenze e arrivando a Faenza, su un percorso già di per se duro, reso ancora più difficile dal caldo.

Tra gli oltre 2700 atleti ai nastri di partenza c’erano anche quattordici atleti del gruppo podistico, tra cui lo stesso direttore sportivo Stefano Caroli, accompagnato da quelli che sono ormai degli affezionati alla manifestazione: Stefano Farina, Gabriele Turroni, Alberto Bandini, Cristiano Fregnani, Fabio Mazzolini, Sergio Scipi, Emanuele Tarroni, Lorenzo Leoncavallo, Simon Luca Spada, Paolo Mancini, Carlo Alberto Viola, Paolo Valli e l’esordiente Flavio Selle.

Grande soddisfazione per Stefano Farina, l’atleta del Passatore ha coperto il percorso in 9 ore 4 minuti e 55 secondi ottenendo un bel trentaseiesimo posto assoluto, che gli vale il sesto posto di categoria ed il quinto posto tra i romagnoli. La prova ha concluso il Trittico della Romagna, nel quale Stefano ha concluso all’undicesimo posto.

“Devo dire – spiega Stefano – che lo scorso anno mi ero promesso di non rifarla più, ma per fortuna così non è stato. Quest’anno ho raggiunto la mia migliore performance, frutto anche dell’esperienza dell’anno passato e dei nuovi stimoli ricevuti da parte di tutto gruppo sportivo che mi ha accolto quest’anno” .

Alle sue spalle, a trentotto minuti, Gabriele Turroni migliora il proprio personale in 9 ore 43 minuti e 19 secondi. “Sono soddisfatto – dichiara Gabriele – a inizio maggio ero demoralizzato per non essere riuscito ad allenarmi come avrei voluto, ma alla fine sono riuscito ad arrivare a Faenza anche quest’anno e questo è importante!!”

L’esordiente Flavio Selle occupa la terza piazza in 11 ore 3 minuti e 27 secondi. “Ero preparato al peggio – racconta Flavio – ho cercato di non forzare, di rimanere tranquillo, di gestire le energie, alla fine non ho avuto problemi muscolari – aggiunge – i paesaggi bellissimi, il tifo della gente per strada e nei paesi, il silenzio della notte interrotto solo dal rumore dei passi… una grande emozione durata undici ore!!”

Nel corso della notte si sono susseguiti gli arrivi degli altri atleti in gara che con grande coraggio, determinazione, sacrificio e spirito di sopportazione alla fatica hanno raggiunto il traguardo di Faenza.

Alberto ha migliorato il proprio personale in 11 ore 47 minuti e 48 secondi, Cristiano ha concluso in 12 ore 4 minuti e 44 secondi, Stefano, il direttore sportivo, ha concluso in 12 ore 12 minuti 56 secondi, Fabio ha migliorato il proprio personale in 12 ore 47 minuti 7 secondi, Sergio ha concluso in 13 ore 47 minuti 27 secondi, Emanuele ha concluso in 14 ore 11 minuti 05 secondi, Lorenzo ha concluso la quinta edizione in 14 ore 18 minuti 21 secondi, conquistando l’ambito e prezioso “piatto” (il riconoscimento in ceramica faentina decorato a mano), Simon Luca ha concluso tenendo per mano sua figlia Diamante in 17 ore 13 minuti e 23 secondi e infine Paolo ha concluso in 17 ore 46 minuti 08 secondi.

Quando in ballo c’è una ultramaratona, chi vi partecipa ne è ben conscio,  non si darà mai per scontata una conclusione sicura della prova perché anche il più piccolo problema, con decine di chilometri ancora da percorrere, potrebbe portare ad un inevitabile ritiro. Così si è spento il sogno per Paolo Valli e Carlo Alberto Viola costretti al ritiro al Passo della Colla (48° chilometro) e a Marradi (65° chilometro).

Collemar-athon 2017. Daniele sotto le 5 ore

img-20170507-wa0000Fano – Sole e qualche nuvola, ma senza pioggia, hanno accolto i 1074 partecipanti alla 15esima edizione della ColleMar-athon. Sul percorso da Barchi a Fano, attraverso i borghi fortificati di Mondavio, Orciano, San Giorgio di Pesaro, Piagge, Cerasa e San Costanzo ci sono Alberto, Carlo Alberto e Daniele. Al via, Alberto Bandini che nel quotidiano fa l’ingegnere, parte forte, forse troppo per le proprie condizioni, non ottimali per affrontare il muro delle tre ore. Alla mezza distanza Alberto accumula un ritardo di tre minuti che diventeranno poi sette nel finale. Per lui comunque un ottimo crono di 3 ore 07 minuti e 16 secondi, che gli vale l’ottavo piazzamento di categoria e il quarto posto nel campionato italiano Ingegneri/Architetti. Alle sue spalle, Carlo Alberto Viola in preparazione per il Passatore, porta a termine in 3:34:35 la gara dopo aver fatto una ventina di chilometri di corsa. Al traguardo sono settanta i chilometri effettivamente percorsi ad un ritmo ragguardevole di 5’12 al km! Infine Daniele Gherardelli in 04:57:39 arriva soddisfatto al traguardo, sotto le cinque ore! (a Manchester quest’anno aveva corso in 05:03:29)

Stefano alla Wings for Life World Run

Milano – Ogni anno, nello stesso giorno, la Wings for Life World Run si tiene contemporaneamente in numerose location di tutto il mondo con l’unico obiettivo di raccogliere fondi per supportare la ricerca scientifica per trovare una cura alle lesioni al midollo spinale. Un format unico, in cui i partecipanti corrono quanto più a lungo possibile, scappando dalla Catcher Car, vero e proprio traguardo mobile che parte al loro inseguimento mezz’ora dopo il via e, aumentando progressivamente la velocità, li elimina lungo il percorso a mano a mano che li supera. Tra i 4500 runner dell’evento milanese, Stefano Farina (nella foto gentilmente concessa da Antonio Capasso) ha dato prova di una grande prestazione, percorrendo ben 48,88 km raggiungendo il sedicesimo posto nella classifica italiana e risultando il decimo italiano nel mondo!! – “Ero un po’ preoccupato per l’orario di partenza della gara (le ore 13 in Italia ndr) ma ero in perfette condizioni fisiche e mentali per affrontare la gara, sapere che tutto il mondo corre simultaneamente per uno scopo benefico per me è stato uno stimolo in più per dare il massimo”

Stefano e Flavio: unstoppable runners

flavioRimini – Una giornata non calda e senza vento ha accolto i partecipanti alla quarta edizione della Rimini Marathon. Ai nastri di partenza, Stefano Farina, reduce dalle incoraggianti prestazioni di Roma e della 50 km di martedì scorso e l’esordiente Flavio Selle.

La corsa ha preso il via alle 9.30 dall’arco di Augusto: il nostro portacolori Stefano ha corso la 42,195 chilometri, disegnata in gran parte sul lungomare adriatico, con un passaggio di 1h28:57 alla mezza distanza, al ritmo di circa 4:13/km ed una proiezione finale sotto il muro delle tre ore, ha accusato quindi un calo fisiologico nella seconda parte di gara (1h32:10), tagliando per primo il traguardo con il tempo di 3h 01’ 08, a un soffio dal proprio personale!

Alla maratona ha partecipato anche l’atleta esordiente Flavio Selle, ottenendo un ottimo tempo arrivando al traguardo in 3h 29′ 01. Questo risultato ripaga Flavio degli allenamenti che ritaglia fra la famiglia ed il lavoro, come tutti runner amatori. “Sono contentissimo, correre una maratona è una bella soddisfazione e il crono finale lo dimostra. Ho corso bene, il tempo era splendido, senza vento e la temperatura ideale. Peccato per la crisi di fame al trentesimo, non ho curato l’alimentazione in gara e questo mi ha fatto rallentare. Ora posso guardare con più coraggio alla mia avventura al Passatore”.

Nella “Ten Miles” competitiva (836 classificati) Daniele Gherardelli giunge al traguardo in 1h 33′ 22.